domenica 5 aprile 2020

6. Superare l'ansia


Questo testo è la traduzione del Giorno 2 del Coronavirus Challenge, un programma di 10 giorni ideato da Ashok Gupta con il suo team della Harley Stress Clinic di Londra per cercare di offrire piccoli consigli utili a rafforzare il sistema immunitario in questo periodo difficile di epidemia.

Si fa presente che il programma del Coronavirus Challenge è stato scritto prima che scoppiasse la pandemia, quando ancora si ipotizzava che il Covid-19 potesse essere simile a uno dei tanti virus che causano il raffreddore o l'influenza. I dati attuali fanno supporre, invece, che il Covid-19 possa avere caratteristiche diverse da questi virus e, quindi, le informazioni presenti in questi articoli sono da prendere in considerazione solo come consigli generali che non si sostituiscono assolutamente al consiglio di medici.

Per prevenire l'infezione da Covid-19 le uniche strategie provate sono lavarsi spesso le mani, non toccarsi viso e occhi, mantenere un corretto distanziamento sociale e restare il più possibile in casa così come previsto dal Ministero della Salute e dai decreti ministeriali approvati a marzo 2020.

Superare l'ansia

Molti in questo momento possono sentirsi ansiosi e avere preoccupazioni economiche, su come affrontare il sostentamento o l’andamento dell'economia. Tutto ciò è perfettamente comprensibile. Stiamo vivendo una nuova esperienza molto diversa dal nostro vivere quotidiano. Possiamo provare la perdita della vita normale, di come erano le cose oppure la perdita dei nostri ideali, del senso di sicurezza.

Per alcuni questo è uno shock, perché viviamo nella negazione, nella rabbia, nell'ansia o nella depressione perché stanno accadendo cambiamenti che non avevamo progettato e sono al di fuori del nostro controllo.

In questa situazione è fondamentale continuare a muoversi e non restare bloccati in una fase o dentro ad un emozione. La meditazione, la respirazione, la consapevolezza di cui parleremo nelle sessioni successive, ci aiutano a continuare a muoverci e che alla fine l'ansia si trasformerà in accettazione.

Di recente un mio amico mi ha confidato che si sentiva davvero ansioso. Non riusciva a far fronte alla situazione. Non riusciva a dormire. Si sentiva impotente e aveva continui pensieri difficili da scacciare. Ha detto che si sentiva in imbarazzo, perché di solito si sente forte. Considerava la sua ansia e questi sintomi di stress come un segno di debolezza. Quindi stava cercando di avere reazioni perfettamente normali a un evento anormale! Questo non fa che peggiorare le cose, perché l’ansia genera altra ansia!

In questi casi può aiutare l'auto-compassione. Se ti senti così, non è un segno di debolezza. È perfettamente naturale provare queste emozioni. Ciò che conta è riconoscere e convalidare le nostre emozioni ed essere compassionevoli con noi stessi. Va bene. Questo non vi rende affatto una persona meno valida.

Normalmente, se proviamo delle forti emozioni, o resistiamo alle emozioni o le allontaniamo. Se le emozioni vengono represse, però, fanno come una molla: riemergono talvolta in modo incontrollato. Più contrastiamo le emozioni, più loro riemergono e possono fare danni peggiori. L'altra cosa che facciamo spesso è abbandonarci alle nostre emozioni. Possiamo nutrirle aggiungendo altri pensieri negativi fino a quando non finiamo in una spirale negativa. Possiamo anche iniziare una battaglia contro queste emozioni e finire per scaricarle sulle persone intorno a noi.

Mentre aumentiamo la nostra autocoscienza attraverso tecniche come la meditazione, possiamo accettare le nostre emozioni con un amorevole atteggiamento di compassione per noi stessi. Dall’autocommiserazione, possiamo quindi fare il passo successivo verso il lasciar andare i nostri sentimenti in modo sano e arrivare all'accettazione per la situazione attuale.

Che cos'è l'ansia?

Prima di conoscere alcuni strumenti che ci aiutano a liberarci dall'ansia, dobbiamo capire che lo stress è un'esperienza a breve termine. L'ansia è un'esperienza a medio o lungo termine, che può andare e venire. Dobbiamo renderci conto che ci sono due aspetti dell'ansia: quello fisico e quello emotivo.

Fisicamente il tuo corpo potrebbe irrigidirsi e potresti notare una frequenza cardiaca superiore al normale o problemi di sonno. Emotivamente, potresti avere pensieri continui, irrequietezza e difficoltà di concentrazione.

Questa è la risposta naturale del corpo che ci protegge dalle minacce fisiche, come quando un animale selvatico ci sta attaccando. Tuttavia, questa risposta al pericolo è generalizzata, e quindi abbiamo la stessa risposta sia alle minacce emotive che a quelle fisiche.

Questa risposta al pericolo è quella che chiamo "ansia di sopravvivenza". Biologicamente il corpo vuole sopravvivere per trasmettere i geni della specie; se siamo sotto una minaccia fisica i nostri sistemi di difesa prevarranno sulla nostra mente logica e entreranno nella modalità "lotta o fuggi".

Una mente ansiosa pensa a tutti gli scenari peggiori, a tutto ciò che potrebbe andare storto. Ironia della sorte, la mente lo fa per cercare di minimizzare il rischio, esaspera la risposta protettiva, così allerta inutilmente il nostro sistema immunitario e influenza il nostro umore. Quindi affrontare l'ansia è cruciale per il nostro benessere mentale, emotivo e fisico.

Come possiamo superare l'ansia?

Facciamo un piano d'azione in 5 punti su come ridurre l'ansia dovuta alla situazione.
1. Disattivare i trigger
2. Utilizzare la tecnica innata del bambino
3. Spostamento di prospettiva - [* metti da parte per domani?]
4. Cambiare modalità e coinvolgimento
5. Meditare - [* è ridondante? E’ necessario?]


1. Spegnere gli inneschi

Come possiamo ridurre la nostra ansia causata dalla situazione attuale? Il primo importante cambiamento è non ascoltare i notiziari ed evitare altri fattori di stress come i social media.

Se siamo incollati alle notizie e e-mail o alla frenesia di Facebook, la nostra ansia viene nutrita ogni volta che la guardiamo, ma questo non ci consente di arrivare ai nostri veri sentimenti più profondi. In questo modo stiamo abusando dell'ansia per distrarci dai nostri sentimenti e dai nostri bisogni autentici, lasciando le nostre emozioni bloccate, represse e pronte ad emergere nel momento meno opportuno.

Quindi è davvero importante non lasciarsi sorprendere. Sì, ci troviamo in una situazione difficile ed è importante essere informati, ma è anche importante non lasciare che la morbosa curiosità di seguire ogni statistica ci travolga. È l'adulto compassionevole dentro di noi che aiuta a prenderci cura di noi stessi in questi tempi. Quindi, quando indulgete al dramma, chiedetevi "È questo ciò di cui ho veramente bisogno o è tempo di spegnere la tv e di cambiare marcia?"

Non sto suggerendo di negare ciò che sta accadendo o di diventare improvvisamente un eremita. Ti consiglio di prenderti cura della tua mente e del tuo benessere. Non permetteresti a un bambino di mangiare 5 barrette di cioccolato di fila, vero? Trattiamoci con lo stesso amore, cura di noi stessi e rispetto come idealmente faremmo con il nostro bambino.

2. Utilizzare la tecnica innata del Bambino

Tutti noi abbiamo parti di noi stessi che svolgono ruoli diversi. Ad esempio, immagina di avere della torta davanti a te e della frutta. Parte della tua mente dirà “Prendi la torta! Deve essere così buona! ", E una parte di voi dirà" Prendi il frutto, è più sano! "

Entrambe le parti stanno facendo ciò che pensano sia meglio per te, ad esempio, il nostro bambino interiore vede solo i benefici emotivi della torta, che vuol dire ha un buon sapore, ci fa temporaneamente sentire bene.

Un bambino non ha la prospettiva adulta delle potenziali conseguenze. Quindi, entrambe le parti stanno facendo del loro meglio per darci benefici. È proprio come con i bambini e gli adulti in generale, non sono d'accordo su ciò che è meglio per te in questo momento. Uno sta pensando ai benefici del momento attuale e l'altro è consapevole del lungo termine.

Allo stesso modo, immagina che l'ansia sia come una parte interiore di te che ha paura e sta cercando di attirare la tua attenzione sul pericolo. Lascia che ti presenti un mio amico, Mike the Monkey! Mike the Monkey è la piccola parte di noi che vive in noi, che è ansioso.

Dato che Mike è quasi come un bambino interiore, Mike può solo vedere l'attuale preoccupazione come l'intero universo. Pensa che la vita sarà sempre così, e si sentirà così per sempre. Mike eternalizza il problema. E pensa a tutti gli scenari peggiori. Come l'esperienza dei bambini, l'ansia è solo nel presente e può essere travolgente e non può offrire una prospettiva equilibrata.

Ma noi siamo i saggi testimoni degli adulti compassionevoli - questo è il muscolo che abbiamo rafforzato attraverso la meditazione. Attraverso l'autocoscienza, possiamo supportare al meglio il nostro adulto interiore facendo un passo indietro come fanno gli adulti e osservando l'intera situazione da una prospettiva più ampia. Da quel luogo più alto, possiamo rieducare la parte ansiosa del bambino con il  te stesso compassionevole.

Ancora una volta, capisco che molti di voi hanno delle vere preoccupazioni da affrontare in questo momento. Ma chi preferiresti che vi aiutasse a risolvere un problema che state affrontando? L'ansia che vive in un universo infantile molto limitato, o un adulto compassionevole, concentrato e calmo che può affrontare la situazione con coraggio?

Troverete una potente "tecnica interiore-infantile" nella sezione Audio/Meditazioni del sito (in inglese): potete ascoltarla ogni giorno, tutte le volte che volete, fino a quando l'ansia si attenuerà.

3. Prospettiva a turni

Tutti reagiamo in modo diverso alle situazioni, in base alle nostre esperienze e alle convinzioni passate. Indossiamo tutti degli occhiali di colori diversi: una persona potrebbe guardare la situazione del coronavirus e dire "Questo è terribile, non ci riprenderemo mai da questo, tutto è perduto!" Un'altra persona potrebbe dire "Adesso è brutto, ma abbiamo già superato cose come questa prima, questo passerà!"

L'ansia può essere domata e ridotta con la consapevolezza delle nostre vecchie prospettive e abbracciandone di nuove che favoriscono la salute mentale positiva. Questo a volte viene chiamato re-framing. Questo ci rende più resistenti perché abbiamo una visione calma e riflessiva positiva degli eventi. Possiamo prendere coscienza dei nostri pensieri con compassione. Quindi quali sono le prospettive e le credenze comuni che potrebbero causare ansia?

La genealizzazione: quando abbiamo un problema nella vita, le nostre menti spesso lo genealizzazione, come se durasse per sempre. “Oh, questo sarà qui per sempre! Non ce la faremo! Non riesco a immaginare di non sentirmi mai più così! " L’antidoto qui è calmare la mente e assumere una nuova prospettiva, ad es. "Questa è una situazione temporanea, anche questa passerà."

Il catastrofismo: non vediamo il mondo come è oggettivamente, lo vediamo secondo i nostri filtri, i nostri occhiali da sole. La mente sbaglia dal lato della cautela e crea scenari peggiori come “Questa è la fine del mondo! I mercati finanziari non si riprenderanno mai! Invece possiamo riconoscere l'eccessiva protezione della mente e adottare una nuova prospettiva positiva.

Sentirsi sopraffatti e indifesi: "È troppo, non riesco a gestirlo!" Spesso riteniamo di non avere le risorse per affrontare la situazione, il che ci fa sentire davvero una sua vittima. Ma pensa a tutte le situazioni difficili che hai avuto nella vita. Le hai superate e ce l'hai fatta, quindi puoi farlo anche ora! Ovvero con la positività non si tratta di negare la sfida, ma dire "Qualunque cosa accada, la gestirò"

Cambia canale: coinvolgi la tua mente in altri hobby - Trasforma quell'energia nervosa in qualcosa di produttivo!

Questo è qualcosa che tutti gli adulti devono fare di volta in volta quando si prendono cura dei bambini. Quando le emozioni diventano troppo intense o sorge un conflitto, a volte è semplice come cambiare canale e passare a qualcosa di produttivo e positivo. Questa è anche una tecnica utile per tutti noi, bambini e adulti!

Meditate Meditate Meditate!

La meditazione più importante è la tua vita travolta dalle tempeste. La meditazione può anche essere uno strumento potente nel momento dell'ansia. Quando sorge l'ansia, puoi fermare ciò che stai facendo e meditare. Saresti sorpreso di ciò che fai per calmare il sistema nervoso e ricentrarti in modo da poterti concentrare di nuovo. Solo 20 minuti possono trasformare il tuo umore!

Credo davvero che se impieghi questo piano d'azione in cinque punti, la tua ansia si ridurrà a livelli più gestibili e forse si dissolverà così ti sentirai più resistente e più in grado di intraprendere azioni dinamiche nel gestire la situazione.

Riepilogo
- Sentirsi ansiosi al momento è perfettamente normale.
- Potresti sentirti in ansia per la tua salute o la salute di coloro che ami, oppure potresti preoccuparti della situazione finanziaria o di altre cose
- Accettiamo la nostra ansia e ad essere compassionevoli con noi stessi
- Possiamo superare l'ansia usando i seguenti metodi:
o Disattiva le notizie e i social media sul coronavirus
o Usa la tecnica del bambino interiore per calmare la nostra mente ansiosa con amore per se stessi e compassione
o Possiamo cambiare prospettiva e guardare la situazione in modo più obiettivo con una mente calma e compassionevole
o Cambiamo canale! E usiamo saggiamente questo prezioso tempo per elevarci facendo cose che ci coinvolgono, educano o espandono in qualche modo
o L'impegno per la meditazione regolare può gradualmente permetterci di liberare l'ansia e arrivare a un luogo di accettazione

4. Energizzare il corpo e la mente


Questo testo è la traduzione del Giorno 2 del Coronavirus Challenge, un programma di 10 giorni ideato da Ashok Gupta con il suo team della Harley Stress Clinic di Londra per cercare di offrire piccoli consigli utili a rafforzare il sistema immunitario in questo periodo difficile di epidemia.

Si fa presente che il programma del Coronavirus Challenge è stato scritto prima che scoppiasse la pandemia, quando ancora si ipotizzava che il Covid-19 potesse essere simile a uno dei tanti virus che causano il raffreddore o l'influenza. I dati attuali fanno supporre, invece, che il Covid-19 possa avere caratteristiche diverse da questi virus e, quindi, le informazioni presenti in questi articoli sono da prendere in considerazione solo come consigli generali che non si sostituiscono assolutamente al consiglio di medici.

Per prevenire l'infezione da Covid-19 le uniche strategie provate sono lavarsi spesso le mani, non toccarsi viso e occhi, mantenere un corretto distanziamento sociale e restare il più possibile in casa così come previsto dal Ministero della Salute e dai decreti ministeriali approvati a marzo 2020.


Oggi parliamo della M che nel programma MEND sta per Mente. Molti di voi potrebbero avere emozioni eccessive e ansia in questo momento, questo è comprensibile. Stanno succedendo tante cose. Questo può essere aggravato dal fatto che siamo sempre davanti ai notiziari. Evitiamo di farlo. Lo stress, la paura, l'ansia e altre emozioni possono col tempo compromettere il nostro sistema immunitario. Per rafforzarlo dobbiamo cercare dei modi per calmarci e tenere le nostre menti concentrate lungo questa esperienza. Parleremo di alcune idee nei prossimi video, ma oggi ci occupiamo della tecnica più semplice ... che è quella di non fare niente!

Molti di noi trascorrono ore a casa in conformità ai protocolli della pandemia, o alcuni potrebbero trovarsi in una zona rossa, ma mentre siamo a casa senza fare niente, le nostre menti potrebbero essere ancora affollate da pensieri e iperattive.

La sfida di oggi è spingere questo "fare niente" al livello successivo per avere tranquillità, per calmare la tua emotività e per migliorare le difese immunitarie. La meditazione è probabilmente il modo migliore per allenare la mente a stare calma. Molti studi hanno dimostrato che la meditazione aumenta l'efficacia del sistema immunitario e riduce le possibilità di contrarre un virus come raffreddore o influenza fino al 50%. Inoltre, se ci si ammala, la meditazione può ridurre del 50% il numero di giorni di malattia. In realtà la meditazione aumenta anche la salute in generale. Se fosse una pillola, penso che sarebbe stata considerata come una medicina miracolosa!

Ad esempio, uno studio di Harvard del 2015 su 5000 persone ha scoperto che le persone che hanno imparato a meditare, hanno ridotto della metà il numero di volte in cui si sono rivolte ad un medico o un ospedale. La meditazione regolare può davvero fare un'enorme differenza per abbassare i livelli di stress. La vita ci offre molte ragioni per sentirci ansiosi o stressati  e la meditazione è un modo fantastico per superare lo stress, per sentirsi in equilibrio, più calmi e più felici.

Ci sono anche le famiglie che meditano insieme e quindi la meditazione può diventare una normale attività familiare. Sul sito web abbiamo fornito molte l'audio di meditazioni guidate gratuite.

mercoledì 1 aprile 2020

3. Energizzare il corpo con l'attività fisica



Questo testo è la traduzione del Giorno 3 del Coronavirus Challenge, un programma di 10 giorni ideato da Ashok Gupta con il suo team della Harley Stress Clinic di Londra per cercare di offrire piccoli consigli utili a rafforzare il sistema immunitario in questo periodo difficile di epidemia.

Si fa presente che il programma del Coronavirus Challenge è stato scritto prima che scoppiasse la pandemia, quando ancora si ipotizzava che il Covid-19 potesse essere simile a uno dei tanti virus che causano il raffreddore o l'influenza. I dati attuali fanno supporre, invece, che il Covid-19 possa avere caratteristiche diverse da questi virus e, quindi, le informazioni presenti in questi articoli sono da prendere in considerazione solo come consigli generali che non si sostituiscono assolutamente al consiglio di medici.

Per prevenire l'infezione da Covid-19 le uniche strategie provate sono lavarsi spesso le mani, non toccarsi viso e occhi, mantenere un corretto distanziamento sociale e restare il più possibile in casa così come previsto dal Ministero della Salute e dai decreti ministeriali approvati a marzo 2020.


Bentornato al terzo giorno della sfida contro il Coronavirus. Oggi parliamo di E che sta per “Energizzare”, cioé fare attività e esercizio fisico.

Molti di noi iniziano ad adattarsi al nuovo modo di vivere. Siamo consapevoli che dobbiamo lavarci le mani, evitare il contatto fisico con le persone fuori dalle nostre case ed eliminare le attività non essenziali che ci portano fuori casa. E’ il più grande cambiamento nella nostra vita che potrebbe causarci preoccupazioni, ansie o paure.

Possiamo sentirci impotenti o fuori controllo ed è difficile evitare i mass media o le storie di Facebook che ci tengono incollati agli eventi attuali.

Alcuni di noi trascorrono più tempo al chiuso durante questo periodo. Abbiamo più tempo per apprezzare le persone che amiamo. Trascorriamo più tempo a casa con la famiglia. Stiamo in silenzio, leggendo più libri o meditando di più. Stiamo anche pregando per attraversare nel modo migliore tutto questo.

Energizzare il corpo è ottimo non solo per rafforzare il nostro sistema immunitario, ma anche per aiutarci a regolare le nostre emozioni e liberarci delle negatività.
Numerosi studi, come elencato sul nostro sito Web, mostrano che l'attività fisica aumenta notevolmente il sistema immunitario e riduce le possibilità di infezioni virali. L'attività fisica sembra aumentare i livelli di anticorpi nel muco e nella saliva del naso e della gola. L'esercizio fisico migliora anche il flusso di fluidi attraverso il sistema linfatico.

In uno studio elencato di seguito, 30 donne anziane di età compresa tra 67 e 85 anni sono state selezionate per uno studio sulla deambulazione. Metà del gruppo ha camminato per 30-40 minuti per 5 giorni a settimana, e metà del gruppo ha trascorso lo stesso tempo facendo stretching. Il gruppo che camminava ha più che dimezzato il numero di virus che ha contratto nella stagione autunnale.
L'attività fisica non solo apporta benefici al nostro sistema immunitario, è ottimo per la salute del cervello, tiene sotto controllo la pressione alta, aumenta l'umore e migliora il sonno.

Stare nella natura (ove possibile)

Ci sono prove che stare alla luce del sole può aumentare l'efficacia del sistema immunitario, oltre agli effetti della vitamina D. Ci sentiamo tutti meglio quando c'è il sole, soprattutto per chi come me vive a Londra!
Esiste l'arte giapponese di fare il bagno nella foresta, chiamata Shinrinyoku, che quasi raddoppia i livelli di cellule Natural Killer nel corpo. Lo Shinrinyoku prevede di camminare nelle foreste per un paio di giorni e gli effetti sul sistema immunitario durano per 30 giorni. È stato anche dimostrato che le passeggiate nella natura aumentano i livelli di serotonina e alleviano la depressione.
A volte, quando pensiamo all'attività o all'esercizio fisico, pensiamo di dover andare in palestra o stare su una cyclette.

Consiglierei camminata veloce ogni giorno, idealmente nella natura, di minimo 30-40 minuti. Più cammini velocemente, maggiore è il beneficio. Una volta che ti ci abitui, non sarai in grado di vivere senza farlo! Stare nella natura aumenta il tono dell’umore,. Andare nel vicino parco  e passeggiare per 30-40 minuti al giorno trasformerà la tua vita! (In Italia fare attività fisica all’aperto in città è vietato dalla legge, si consideri che il sito di Ashok Gupta è stato scritto prima dell’esplosione della pandemia e delle norme di restrizione per il distanziamento sociale).

La danza è considerate come una delle migliori forme di attività, in quanto migliora la coordinazione neurologica con i muscoli, specialmente negli anziani. Pensiamo ad alcune cose divertenti che ci fanno muovere. Per quelli di voi che hanno reagito alla parola esercizio con terrore, invece di chiamarlo esercizio, pensatelo come energizzante per il corpo.

Ad esempio, si può ascoltare musica e ballare mentre fate le pulizie. Potete fare karaoke ballando mentre si canta. Si può giocare con i bambini o con il cane. Tutto ciò che ti fa muovere e ti lascia senza fiat ova bene. Anche se viviamo tempi tristi, è essenziale portare gioia e risate nelle nostre case.

La gioia fornisce sostanze chimiche che hanno anche effetti diretti sul sistema immunitario.
Se stai pensando “questo non è possibile per me”, sappi che ci sono alcuni modi meravigliosi e più sedentari per muovere il tuo corpo come l'aerobica da sedia che puoi trovare su Youtube. Puoi anche praticare la respirazione e visualizzarti mentre ti muovi. Fai tutto ciò che riesci a gestire in sicurezza, perché qualsiasi impegno che puoi fare per mantenere la tua energia è meglio che non fare nulla.

Esercizio fisico

L'attività fisica regolare sostiene il sistema immunitario. Ma che dire di quelli di voi che si dedicano ad esercizi aerobici più intensi come la corsa o gli allenamenti cardio? Qui dobbiamo riconoscere l'impatto dell'eccessivo esercizio fisico. Uno sforzo intenso e prolungato che mette sotto pressione il corpo, può aumentare la possibilità di contrarre un virus. In poche parole un esercizio moderato aumenterà la resistenza alle malattie, mentre un intenso esercizio fisico può effettivamente ridurre la resistenza secondo un grafico a forma di “J”. Ad esempio, i maratoneti sono più soggetti ai virus per alcune settimane dopo aver corso una maratona.

Come scoprire il tuo punto giusto in fondo alla curva? La ricerca che abbiamo condotto non ha fornito la risposta perfetta, tranne per il fatto che fare circa 90 minuti di intenso e prolungato esercizio cardio ha ridotto l'efficacia del sistema immunitario per molti giorni. Quindi è meglio evitare un allenamento ad alta intensità mentre siamo nell'attuale situazione.
Quindi, in sintesi, questo è di nuovo il momento di impegnarsi in un cambiamento semplice, gratuito e facile nella tua vita per migliorarla in generale.

Sommario

- L'attività regolare può ridurre del 50% il rischio di contrarre un virus. Questo vale per le persone di tutte le età
- Non esercitare in caso di sintomi o malattie
- Obiettivo per almeno 30-40 minuti al giorno di attività energizzante.
- Se sei un atleta, fai attenzione a non sovraccaricarti di uno sforzo fisico eccessivo, evita gli allenamenti intensi e prolungati che durano circa 90 minuti

Ashok Gupta

Il Ministero della Salute ha elaborato alcuni consigli utili per l'attività fisica da svolgere in casa.

2. La routine per un sonno ottimale


Questo testo è la traduzione del Giorno 2 del Coronavirus Challenge, un programma di 10 giorni ideato da Ashok Gupta con il suo team della Harley Stress Clinic di Londra per cercare di offrire piccoli consigli utili a rafforzare il sistema immunitario in questo periodo difficile di epidemia.

Si fa presente che il programma del Coronavirus Challenge è stato scritto prima che scoppiasse la pandemia, quando ancora si ipotizzava che il Covid-19 potesse essere simile a uno dei tanti virus che causano il raffreddore o l'influenza. I dati attuali fanno supporre, invece, che il Covid-19 possa avere caratteristiche diverse da questi virus e, quindi, le informazioni presenti in questi articoli sono da prendere in considerazione solo come consigli generali che non si sostituiscono assolutamente al consiglio di medici.

Per prevenire l'infezione da Covid-19 le uniche strategie provate sono lavarsi spesso le mani, non toccarsi viso e occhi, mantenere un corretto distanziamento sociale e restare il più possibile in casa così come previsto dal Ministero della Salute e dai decreti ministeriali approvati a marzo 2020.


Vi do un caloroso benvenuto al secondo giorno del programma MEND Gupta . Oggi parliamo della N che sta per routine notturna e sonno. Ormai molti di noi trascorrono molto tempo a casa. Vediamo le strade vuote o sentiamo la perdita del contatto con gli amici e con le persone care. Non c'è modo di evitare questa realtà surreale e forse siamo ancora più motivati ad agire e a fare la nostra parte.
Durante questo percorso per consolidare il nostro sistema immunitario, dobbiamo sapere che dormire bene la notte è vitale per la nostra capacità di combattere i virus. A causa della situazione venutasi a creare con il Coronavirus, potremmo sentirci più stressati e avere più preoccupazioni. Quindi è ancora più importante prestare attenzione alle nostre routine notturne e per avere un sonno di qualità. Se non riusciamo a dormire bene la notte, non solo ci sentiamo male la mattina dopo, ma anche il nostro sistema immunitario ne risente.

Uno studio elencato nella nostra sezione scientifica ha dimostrato l'impatto della perdita di sonno sulla maggiore probabilità di contrarre un virus o averne I sintomi. In questo studio, i ricercatori hanno deliberatamente somministrato il virus del raffreddore a 153 persone, quindi li hanno seguiti per due settimane usando i rilevatori del sonno. Tecnicamente ogni partecipante aveva già il virus nel proprio corpo e tutti alloggiavano nello stesso hotel. Lo studio ha scoperto che coloro che dormivano meno di 6 ore, avevano quattro volte più probabilità di ammalarsi rispetto a quelli che dormivano 7 ore o più. Mentre quelli che dormivano meno di 7 ore, avevano tre volte più probabilità di avere sintomi di raffreddore, rispetto a quelli con 8 ore di sonno o più. Coloro che avevano dormito per 8 ore o più, erano in grado di combattere efficacemente il virus prima che si manifestasse un'infezione e molto meno probabilità di avere sintomi.

In secondo luogo, hanno esaminato la qualità del sonno, ovvero la percentuale di tempo in cui si dormiva. Coloro che avevano una qualità del sonno inferiore, avevano 6 volte più probabilità di prendere l'infezione, rispetto a quelli che avevano un'alta qualità del sonno. Sonno di alta qualità significa dormire di buona qualità per oltre il 90% delle volte. Si rilevava una differenza nell'infezione proprio dalla qualità del sonno stesso! Se il Coronavirus si comporta in modo simile, potremmo ridurre le probabilità di ottenere sintomi migliorando l'efficienza del sonno.

Perché il sonno è importante?

Perché il sonno è così importante per il sistema immunitario? Bene, sembra che durante il sonno il sistema immunitario recuperi. Il sonno è anche il momento in cui il corpo produce citochine, che sono i messaggeri chimici che trovano il virus e coordinano delle risposte immunitarie. La mancanza di sonno influisce anche sulla capacità delle nostre cellule T killer di legarsi ai virus e di distruggerli.

Come possiamo dormire meglio?

Aumentiamo la quantità e la qualità del sonno. La buona notizia è che la dieta antinfiammatoria e immunizzante che abbiamo menzionato nel nostro ultimo video aiuta anche il sonno, reduce lo stress e aumentare il tono dell'umore. È stato anche dimostrato che aiuta le persone depresse.
Quindi cerchiamo di dormire almeno 7 - 8 ore a notte. Ci sono 3 fattori chiave che danneggiano la qualità del sonno.

Il primo è lo zucchero, il secondo è l’eccesso di consumo di tecnologia, il terzo è la luce intensa emessa dagli schermi che modifica gli nostri ormoni responsabili di recepire se è giorno o notte.
Impostiamo una routine di rilassamento iniziando ad un'ora specifica ogni sera: entriamo nel letto sotto le coperte, a luci spente.

Nella sessione successiva, tratteremo di come possiamo dormire meglio lasciando andare lo stress.
Se soffri di insonnia e davvero non dormi tutta la notte, allora c'è una terapia chiamata Terapia di restrizione del sonno, che è probabilmente il trattamento più efficace disponibile per l'insonnia. Non lo tratteremo oggi perché è più specifico per gli insonni, ma ci sono alcuni link qui sotto. Tra poco abbiamo altri suggerimenti per migliorare il sonno, ma per ora penso che sia ora di prepararmi per andare a letto!

Ora alcune persone trovano difficile addormentarsi, altri trovano difficile dormire. Alcune persone dormono tutta la notte ma si svegliano senza essere rinfrescati. Altri dormono abbastanza in forma, dove si svegliano molte volte durante la notte. Ora l'importante è dormire per tutto il tempo in cui senti di aver bisogno, per compensare la mancanza di sonno profondo. E allo stesso tempo, se stai solo sonnecchiando la mattina e non dormi davvero bene e hai molte preoccupazioni, allora è meglio alzarsi davvero.

Per dormire meglio ci sono dei passi da intraprendere:

1. l’esposizione mattutina alla luce del giorno è  il modo più rapido e semplice per ripristinare i ritmi del sonno. Basta sedersi fuori o esporre gli occhi alla luce del giorno attraverso una finestra, per i primi 15-20 minuti al primo risveglio.

2. se abbiamo preoccupazioni come: “Cosa succede se non riesco a dormire stanotte? Mi sentirò terribile domani!", la cosa migliore da fare è semplicemente osservarli, fare un respiro lento e profondo con un grande sorriso ed espirare delicatamente per rilasciarli e poi distrarre la mente, ad esempio, concentrandoti di nuovo sulla respirazione. Puoi fare della meditazione.

Assicurati di rilassarti per almeno due ore prima di andare a dormire, per calmare il sistema nervosa, proprio come si farebbe con un bambino. Evitiamo di guardare i nostri telefoni o tablet per almeno due ore prima di andare a dormire, perché lo spettro di luce blu emesso dagli schermi è stimolante. L'importante è spegnere la luce blu, disattivandoli sui dispositivi Apple dall’opzione "Night Shift" nelle impostazioni del display e sui dispositivi Android dall’opzione "Blue Light Filter" o "Night Light".

Alcuni suggerimenti per rilassarsi la sera:

- meditazione prima di cena o prima di dormire
- un ottimo modo per calmarsi è ridere!
- Fare una chiacchierata rilassante con un amico o un familiare;
- leggere libri di narrative;
- impegnarsi in un hobby calmante, come il cucito;
- ascoltare musica rilassante;
- fare un massaggio alla testa e al collo;
- l'olio di lavanda rilassa la mente e aiuta a dormire meglio.

Meglio evitare tutte le sostanze stimolanti la sera, in particolare cibi ricchi di zuccheri, caffeina, alcool e ovviamente vogliamo evitare gli schermi con luce blu.

Meglio utilizzare il letto solo per dormire, piuttosto che guardare la TV o guardare il cellulare per evitare di associarlo al lavoro.

Meglio rendere la vostra camera un ambiente più favorevole possibile per dormire. Ad esempio, è meglio disattivare il Wi-Fi di notte e inoltre, non avere una sveglia che ticchetta intorno a te.

Sommario

- Ottenere la giusta quantità e qualità del sonno potrebbe ridurre le probabilità di sintomi di un virus di un fattore fino a 6 volte
- Miriamo a ottenere almeno 7 ore e mezza e 8 ore di sonno di buona qualità a notte
- Evita le schermate attive di sera e rilassati nelle ultime due ore prima di andare a letto
- Esponiti alla luce del giorno non appena ti svegli, per almeno 20 minuti
- Avere una camera da letto fresca e dormire con una maschera per gli occhi se arriva la luce al mattino presto
- Cerca di dormire e svegliati ogni giorno alla stessa ora
- È stato anche dimostrato che la meditazione e la respirazione riducono lo stress e aiutano ad approfondire il sonno, e lo vedremo in una sessione futura.

Ashok Gupta


1. Consigli per un'alimentazione che rafforza il sistema immunitario


Questo testo è la traduzione del Giorno 1 del Coronavirus Challenge, un programma di 10 giorni ideato da Ashok Gupta con il suo team della Harley Stress Clinic di Londra per cercare di offrire piccoli consigli utili a rafforzare il sistema immunitario in questo periodo difficile di epidemia.

Si fa presente che il programma del Coronavirus Challenge è stato scritto prima che scoppiasse la pandemia, quando ancora si ipotizzava che il Covid-19 potesse essere simile a uno dei tanti virus che causano il raffreddore o l'influenza. I dati attuali fanno supporre, invece, che il Covid-19 possa avere caratteristiche diverse da questi virus e, quindi, le informazioni presenti in questi articoli sono da prendere in considerazione solo come consigli generali che non si sostituiscono assolutamente al consiglio di medici.

Per prevenire l'infezione da Covid-19 le uniche strategie provate sono lavarsi spesso le mani, non toccarsi viso e occhi, mantenere un corretto distanziamento sociale e restare il più possibile in casa così come previsto dal Ministero della Salute e dai decreti ministeriali approvati a marzo 2020.


GIORNO 1 - DIETA

Benvenuti al primo giorno del Coronavirus Challenge. Mi chiamo Ashok Gupta e lavoro da vent’anni per il recupero di persone affette da condizioni croniche, per migliorare il loro sistema immunitario e la loro salute generale. Grazie per essere qui con me, mentre intraprendiamo questo viaggio insieme. Utilizzeremo il programma Gupta MEND, che sta per mente, energia per il corpo, ripooso notturno e dieta.

Stiamo vivendo la più grande pandemia della nostra storia. Molti di noi si sentono impotenti e fuori controllo mentre guardiamo l'incredibile svolgersi degli eventi sui nostri schermi TV. In effetti sembra un film, stanno accandendo cambiamenti surreali nel mondo che ci circonda. Ci preoccupiamo anche dell'impatto che avrà sulle nostre famiglie e sui nostri mezzi di sussistenza.
Ma tu sei qui perché vuoi fare di più che sederti, aspettare e chiederti cosa ti succederà. Sei qui perché vuoi prenderti cura della tua salute e fare tutto il possibile per rafforzare il tuo sistema immunitario, e sono felice che tu abbia preso l'impegno di fare la differenza.

Nei prossimi 10 giorni parleremo di cambiamenti fattibili e di modifiche dello stile di vita che faranno la differenza nel potenziare il sistema immunitario. Se il Coronavirus Covid-19 si comporta in modo simile ad altri coronavirus, alcuni di questi strumenti singolarmente possono ridurre le probabilità di contrarre l'infezione di oltre l'80%. E se ti capita di contrarre un'infezione, questi cambiamenti possono ridurre i sintomi e la durata dell’infezione.

Oggi stiamo esaminiamo un aspetto del programma MEND Gupta: D per dieta. È possibile che tu stia alzando gli occhi al cielo o che desideri premere "clic" per passare al video successivo. Capisco! Adoriamo il nostro cibo e lo adoriamo così com'è. Ma la cosa bella della dieta è che è una delle cose più semplici e facili da cambiare rapidamente e il tuo sistema immunitario lo adorerà! E una volta che inizi a mangiare in questo modo, ti piacerà come ti fa sentire e vorrai continuare.

Alcuni piccoli cambiamenti nella dieta possono ridurre le probabilità di contrarre I virus di oltre il 50%, o di ridurre il tempo dell’infezione della metà. La chiave è essere costanti.
Sono state condivise molte cose sui social media, come l’assunzione di vitamina C ad alto dosaggio o mangiare tonnellate di aglio. Fino a quando non vedremo alcune ricerche o nuove prove dagli ospedali, raccomandiamo qui solo cose di cui sia stata studiata l’efficacia nel prevenire altri virus simili, come il raffreddore e l’influenza. Controlla I riferimenti scientifici in fondo a questa pagina se vuoi saperne di più.

Ora, naturalmente, queste sono informazioni generali ed è importante che parli con il tuo medico prima di apportare modifiche alla tua dieta, soprattutto se hai problemi alimentary come allergie o precedenti problemi intestinali. Questo potrebbe essere il momento utile per fare qualche cambiamento nel tuo stile di vita.

Tutti i cambiamenti di cui parliamo qui sono stati associati dalla ricerca alla riduzione di un'ampia varietà di malattie, come cancro, diabete, depressione, malattie cardiache e persino di abbassare l'obesità. Questo è un ottimo modo di mangiare in generale. Prima parliamo un po 'di scienza.
Il micro-bioma intestinale
Il cibo è medicina! Gli scaffali della cucina sono una farmacia naturale. Molti degli alimenti che abbiamo già disponibili possono aiutarci a guarire.

Come guariamo usando il cibo? Beh, che ci crediate o no, l'80% del sistema immunitario risiede nel nostro intestine dove vivono circa 1-3 kg di batteri! Non solo batteri, ma funghi e altri microbi. Questi compongono il nostro microbioma, composto da 100 trilioni di microbi che ci mantengono in vita; esso produce sostanze chimiche antivirali che combattono i virus.

Il microbioma è molto delicato e viviamo in una relazione simbiotica con esso. Quando ce ne occupiamo, ci dà un sistema immunitario sano. Se lo tratti come un migliore amico, ti darà una protezione; se lo ignori o se ne abusi assumendo cibo spazzatura, non sarà in grado di essere lì per te quando ne avrai più bisogno. Proprio come metteresti il carburante sbagliato nella tua auto, allo stesso modo un certo cibo crea il giusto equilibrio tra batteri buoni e cattivi, questo ci dà l’immunità di cui abbiamo bisogno per la vita. Quindi oggi stiamo trasformando il nostro microbioma nel nostro ultimo migliore amico.

Ci sono alimenti buoni che nutrono il nostro microbioma e ci sono alimenti dannosi. Ad esempio, ci sono alcuni tipi di alimenti che eccitano inutilmente il nostro sistema immunitario, causando un’infiammazione cronica nel corpo. Quando il nostro sistema immunitario è sovraccarico di cattiva alimentazione, non c'è abbastanza succo nel sistema per combattere altri attacchi. Questo rende il corpo vulnerabile a minacce come i virus e causa una maggiore vulnerabilità a malattie cardiache, artrite, persino alla depressione.

Quindi, in sintesi, vogliamo eliminare gli alimenti che danneggiano il nostro microbioma intestinale e causano infiammazione. Vogliamo aumentare gli alimenti che riducono l'infiammazione e aumentano il potere del sistema immunitario in generale. Molti di voi potrebbero aver già sentito alcuni di questi consigli, ma è bene ricordarcelo e concentrarci sulle  informazioni utili a combattere i virus.

PASSO 1: eliminare gli alimenti infiammatori che riducono la funzione immunitaria
Ecco alcuni alimenti che interferiscono con la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni e che raccomando di assumere solo occasionalmente. Alcuni alimenti interferiscono direttamente o causano un'eccessiva infiammazione cronica e quindi devono restare fuori dalla porta di casa. Di contro includeremo dei cibi in sostituzione che vi piacerenno altrettanto.
In primo luogo, è stato dimostrato che lo zucchero riduce l'efficacia del sistema immunitario fino a 5 ore. Bisogna fare attenzione allo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio e di zucchero. Questi si trovano nelle caramelle, nei dolci, nel cioccolato, nelle bibite, nelle torte, nei biscotti, nelle ciambelle, nei pasticcini e in alcuni cereal per la colazione. I dolcificanti artificiali possono essere altrettanto malsani, ma chi ha un debole per i dolci, può provare la stevia a base vegetale
Vanno eliminati gli alimenti fritti, i grassi trans, gli oli vegetali e di semi presenti nelle patatine fritte, negli hamburger, nel cibo da fast food, nlle margarine e nei dolci confezionati. Al loro posto si può cucinare con olio di cocco, con avocado o olio d'oliva. Meglio cuocere a fuoco lento invece di friggere

In terzo luogo bisogna ridurre i carboidrati raffinati come la farina bianca, contenuta nel pane bianco, nella pasta bianca, nei pasticcini, in alcuni cereali, nei biscotti e nelle torte. Si possono sostituire con farina integrale o con alternative senza carboidrati.

In quarto luogo bisogna ridurre l’assunzione eccessiva di alcool che, come lo zucchero, può avere un effetto negativo immediato sul sistema immunitario: un bicchiere di vino rosso occasionale può avere alcuni lievi benefici, ma oltre questa dose può portare a un'eccessiva infiammazione e compromettere il sistema immunitario.

Bisogna ridurre, infinite, la carne rossa e la carne industriale con conservanti, come salsiccie, pancetta, prosciutto, carne affumicata e carne secca. Ci sono molti sostituti vegani, ma è importante assicurarsi che siano sani! Se ti piace mangiare la carne, puoi provare come sostituto il pesce azzurro.
Questi alimenti possono interferire con il microbioma intestinale e rendere al sistema immunitario più difficile la lotta alle infezioni.

Uno dei fattori peggiori il fumo: è stato dimostrato che il fumo quasi raddoppia la possibilità di ammalarsi di influenza e raddoppia i giorni di malattia. Sappiamo che molti decessi per il Coronavirus si verificano per le complicanze da infezioni polmonari. Sfortunatamente, ci sono prove che il fumo può aumentare la possibilità di morire di polmonite fino a 5 volte, quindi evitare il tabacco durante questa pandemia è assolutamente importante.

Se sei una di quelle persone che aspettano l'ispirazione per smettere di fumare, questo è il momento giusto per trovare il coraggio di liberarsi del fumo. Puoi chiedere support e rendere questo cambiamento graduale e non traumatico. CI sono varie tecniche e persino medicinali che ti aiutano a liberarti dal fumo si sigaretta. Non devi giudicare te stesso, si tratta solo di salvarsi la vita.

PASSO  2: quindi cosa posso mangiare? La dieta anti-infiammatoria in stile mediterraneo

Potresti pensare di aver perso tutti i tuoi cibi preferiti in un giorno. Capisco quanto possa essere impegnativo! Ci sono alcuni aspetti di questa sfida che richiedono coraggio e pazienza, ma questo può migliorare la tua vita o quella di chi ami. Quindi in questo video ti diremo cosa hai biogno di ascoltare, non solo quello che vuoi sentire.

Per un microbioma intestinale sano bisogna mangiare molta frutta e verdura e cibi ricchi di fibre come nella dieta mediterranea. Semplice. Questa probabilmente non è la prima volta che ne senti parlare, ma ora sei motivato a prestare più attenzione e a mantenere il tuo impegno.
Questo non significa necessariamente diventare vegetariani o vegani, ma vuol dire spostare l'equilibrio di quello che metti nel tuo piatto! La frutta e la verdura rappresentano idealmente la metà di ogni piatto di cibo che possiedi - può sembrare molto, ma una volta che ti ci abitui, la varietà e i gusti continuano ad aumentare e diventa un modo divertente di mangiare!

Studi hanno dimostrato che anche negli anziani, aumentando l'assunzione fino a 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, è possibile raddoppiare la forza della risposta del sistema immunitario. Questo studio è stato condotto sul rischio di polmonite.

Questi sono gli alimenti che vogliamo aumentare nella nostra dieta:
- più verdure crude e cotte: se ti piacciono lo spremute, è meglio avere pezzi di verdura intera in un frullato rispetto a un succo, ma se puoi bere solo il succo, anche questo può essere utile
- più frutta: tutta la frutta intera o frullata, ma non succhi di frutta che contengono zucchero.
- olio extra vergine di oliva o olio di cocco; questi vanno bene anche per cucinare.
- olive, avocado;
- lenticchie, fagioli, ceci e altri legume;
- cereali integrali;
- avena: recentemente è stato dimostrato che aiuta davvero direttamente il microbioma intestinale, quindi si raccomandano avena o farina d'avena ogni giorno; è ottimo con un po 'di cannella, poiché la cannella è un ottimo stimolatore del immunitario e un equilibratore della glicemia;
- riso basmati, selvatico o integrale;
- noci e semi;
- pesce pescato di mare con bassi livelli di mercurio.

Il modo migliore per rendere questi nuovi cibi invitanti come quelli a cui sei stato abituato, è andare su Instagram o sul Web e trovare una ricetta che abbia il sapore giusto. Abbiamo anche fornito alcune risorse divertenti per te qui sul nostro sito web

Molte persone mi chiedono quale sia la frutta e la verdura migliori. La chiave è la varietà: alcune persone lo chiamano "mangiare l'arcobaleno", rendere cioé il tuo piatto il più colorato possibile per alimentare il tuo microbioma. Tuttavia, ci sono alcuni che sembrano avere più di un effetto benefico sul sistema immunitario, come per esempio: broccoli, cavoli, patate dolci, funghi e spinaci. Le verdure a foglia verde come cavoli, spinaci e bietole sono eccellenti. In termini di frutta, sono stati condotti studi positivi su kiwi e bacche, in particolare i mirtilli, quindi consiglierei di consumarli ogni settimana. Anche il frutto indiano chiamato amla è molto buono in questo senso.

La dieta anti-infiammatoria mediterranea prevede una riduzione complessiva del consumo di latte e di carne, e preferisce invece il pesce azzurro. Se sei vegetariano o vegano, assicurati di mangiare regolarmente legumi, fagioli e lenticchie per ottenere le protein necessarie.
Vale anche la pena di notare che una dieta indiana ayurvedica è molto salutare, perchè offre tutta una serie di spezie benefiche per il tuo sistema immunitario.

PASSO 3: Prebiotici e Probiotici

Abbiamo parlato dei batteri benefici per il tuo microbioma intestinale che aiutano a sostenere il tuo sistema immunitario. Ci sono due modi di aiutare i batteri intestinali: uno con i probiotici, che sono batteri extra che vengono effettivamente aggiunti alla dieta; il second è con i prebiotici, ovvero sostanze che i batteri amano digerire. Esistono prove contrastanti sull’integrazione perché non è sicuro che sopravvivano nel viaggio attraverso l’intestino, mentre si possnoo aggiungere probiotici naturali attraverso la dieta:
- yogurt fresco naturale non zuccherato (con stevia, frutta o muesli per gusto), Kimchi, Tempeh, Crauti O Zuppa di miso che è anche caldo e confortante;
- per I prebiotici: frutta, verdura e cibi ricchi di fibre sono i migliori nutrienti per i tuoi batteri intestinali. La farina d'avena si è dimostrata particolarmente benefica, quindi è un'ottima colazione!

PASSO 4: Super-potenziatori naturali del sistema immunitario

Curcuma (con un pizzico di pepe nero e un po' di grasso buono)

La mia prima scelta per il sistema immunitario è la curcuma che è una radice gialla spesso usata nella cucina Sud-Asiatica. Sapevi che sono stati condotti oltre 5000 studi sulla curcuma e sul principio attivo chiamato curcumina. Esistono prove che sia un potente agente antinfiammatorio, antivirale e antibatterico. Si è visto che la curcuma riduce la replicazione delle cellule virali in un laboratorio, sebbene non siano state condotte ricerche sufficienti negli studi sull'uomo.

Molti decessi dovuti al Coronavirus possono verificarsi a causa del seguente processo: il virus infetta i polmoni, causando una risposta di emergenza dal nostro sistema immunitario. Il nostro sistema immunitario risponde in modo eccessivo e quindi danneggia le cellule del rivestimento dei polmoni, causando polmonite, che è un’infiammazione dei polmoni. Questo può consentire alle infezioni opportunistiche di esplodere. Per questo le persone muoiono anche di influenza stagionale.
Le persone non stanno necessariamente morendo di Coronavirus o di influenza, ma per infezioni batteriche a causa di danni ai polmoni causati dal nostro sistema immunitario. Si è osservato che la curcuma modera e controlla il sistema immunitario in presenza di influenza e può prevenire il danno nei tessuti, riducendo così i decessi per polmonite. È possibile vedere in fondo alcune ricerche.
Come possiamo assumere la curcuma? Puoi prendere la curcuma come polvere o all'interno di una capsula, ma per favore non prendete la curcumina da sola, è meglio prendere la polvere di curcuma. Puoi prendere circa un quarto di cucchiaino inizialmente, che è di circa 500 mg, e poi aumentare a mezzo cucchiaino se ti senti a tuo agio. La cosa importante è assumere insieme anche un pizzico di pepe  per aumentarne l'assorimento. Questo aumenta anche si assume con un grasso buono come olio extra vergine di oliva, olio di cocco o burro chiarificato.

Echinacea
Ci sono evidenze contrastanti sulla sua efficacia, ma alcuni studi hanno dimostrato che ha ottimi effetti, quindi va considerata come un'opzione.

Integratori
Gli esperti dicono a volte che le persone non hanno bisogno di integratori se si tiene una dieta equilibrata! Ma quante persone conosci che hanno davvero una dieta completamente bilanciata? Quindi, in questi tempi incerti, è utile assumere integratori per assicurarsi di non avere carenze. Se mangi molta frutta e verdura nella forma naturale, dovresti ottenere le quantità corrette. Tuttavia, qui ci sono alcuni che sono noti per supportare il sistema immunitario e nella sezione scientifica puoi vedere le prove dei suoi effetti sui virus.
Vitamina D - fino a 3000ius al giorno. La vitamina D è la vitamina del sole e il modo migliore per assorbirla è prendere il sole in modo sicuro senza scottarsi.
Zinco - fino a 15 mg al giorno, magnesio - fino a 400 mg al giorno, vitamina C - fino a 1000 mg al giorno, anche se alcuni sostengono di più, vitamina E, vitamina B6 e B12,
Omega-3 - Vorrei anche che tu prendessi una fonte di Omega 3. Questo può essere dall'olio di fegato di merluzzo, o se sei vegetariano, da una fonte di alghe.
Prendo anche triphala, che è un integratore ayurvedico generale per sostenere la salute e il benessere.
Tè nero e tè verde
Questi contengono ottimi prodotti chimici antiossidanti, quindi sono una bevanda calda normale. Puoi sempre prendere il tè decaffeinato se vuoi evitare la caffeina.
Digiuno
Esistono prove che il digiuno intermittente possa aumentare l'efficacia del sistema immunitario, ripristinando essenzialmente il sistema immunitario e promuovendo la crescita dei globuli bianchi. Tuttavia, il digiuno deve davvero essere fatto sotto la guida di un professionista esperto.
C'è un altro modo chiamato dieta 5: 2, in cui si mangia normalmente per 5 giorni della settimana, quindi si mangia la metà del numero di calorie in due giorni separati della settimana. E’ stato dimostrato che questa dieta reduce l'infiammazione, rafforzara il sistema immunitario e aiutare le persone a perdere più peso rispetto alle diete convenzionali. Abbiamo un link ad esso nella nostra sezione scientifica se ti interessa.

Acqua
Vi invito a bere almeno 2 litri di acqua naturale al giorno, non durante i pasti. Quindi, bevi 20 minuti prima dei pasti o almeno 1 ora e mezza dopo i pasti. Questo per prevenire la diluizione dei nostri enzimi digestivi.
Prendere l'iniziativa
Per essere sicuro di impegnarti in queste modifiche della tua alimentazione, ti consiglio di elaborare un piano d'azione per iniziare con 5 nuove modifiche. Quindi potresti fare una lista della spesa di cose che vorresti acquistare dalle nostre liste di alimenti.
Mentre molti di noi hanno più tempo al chiuso, divertirsi con esso come forse una piccola e breve distrazione di benvenuto da tutto lo stress del mondo. Scegli solo 2 o 3 nuove ricette. Scambia idee con amici e persone care e lasciati ispirare a vicenda. Sulla nostra pagina del gruppo di Facebook, vorremmo che tu condividessi le tue ricette e pubblicasse le foto dei tuoi nuovi pasti a potenziamento immunitario.

Sul sito, abbiamo collegamenti a luoghi che forniscono molte ricette di potenziamento immunitario, in modo da poter iniziare a pianificare pasti più sani che incorporano questi cambiamenti. Ancora una volta, si prega di consultare il proprio medico prima di apportare cambiamenti radicali alla propria dieta e integrazione. Se sei incline a candida, infiammazione o intestino permeabile, potresti voler modificare alcuni di questi suggerimenti per adattarti a te. Consultare sempre un professionista.
1BN La cosa più semplice e veloce che puoi fare è spostare la tua dieta verso una dieta prevalentemente a base vegetale, mangiando molta verdura, molta frutta e mangiando un sacco di cereali integrali. Insieme a una dose giornaliera di curcuma.
E sai, ho mangiato così per anni, e fa davvero la differenza per i tuoi livelli di energia, il tuo umore e il tuo benessere. E una volta che ti sarai abituato a quella sensazione migliore, il tuo corpo inizierà effettivamente a desiderare questi nuovi alimenti e non vorrai tornare come prima. E come bonus, è chiaro dalla scienza che mangiare in questo modo riduce anche le possibilità di altre malattie come diabete, cancro, malattie cardiache e ictus.
So che ho passato molte informazioni oggi, e si tratta di apportare alcune modifiche chiave che potrebbero ridurre le possibilità di contrarre il virus, influenzando al contempo la tua vita e chi ti circonda. Spero che questo ti dia il potere di prenderti cura dei tuoi risultati di salute e di fare qualcosa per questa situazione.
Resta sintonizzato e impegnato con noi. Abbiamo buoni motivi per attenerci. Nei prossimi giorni avremo suggerimenti ancora più semplici per potenziare il tuo sistema immunitario, c'è molto di più a venire. E per favore, non dimenticare di continuare a condividerlo con gli altri. Potrebbe semplicemente cambiare una vita! Grazie per la visione e ci vediamo la prossima volta!

Riepilogo 
Mangia solo occasionalmente i seguenti alimenti che abbassano la capacità immunitaria: zucchero, grassi trans, cibi fritti, alcool e carni trasformate con conservanti.
Segui una dieta più mediterranea con molta frutta, verdura e cereali integrali, dove verdure e frutta occupano metà del tuo piatto.
Assumi un probiotico alimentare naturale per potenziare i tuoi batteri buoni.
Assumi alcuni alimenti che potenziano il sistema immunitario come la curcuma (insieme a pepe e grassi).
Prendi un integratore o multi-vitaminico se ne hai bisogno.

Ashok Gupta

mercoledì 25 marzo 2020

Reagire alla epidemia da Coronavirus

Il Programma Gupta offre un'insieme di tecniche utili a ridurre l'iper-reattività dell'amigdala ed è rivolto alle persone che soffrono di Sindrome da Fatica Cronica e patologie correlate, come la Sensiblità Chimica Multipla (MCS), la Fibromialgia e l'Elettrosensibilità.

In un momento di crisi, come quello attuale scatenato dall'epidemia di Coronavirus, si attivano automaticamente i sistemi di difesa responsabili della risposta ai pericoli ambientali. Questi sistemi sono controllati proprio dall'amigdala e, per le persone che hanno già un'iperstimolazione cronica dell'amigdala, questa situazione potrebbe causare un'accentuazione di certi sintomi legati allo stress cronico e l'aumento di pensieri ricorrenti negativi che tengono il sistema nervoso centrale in costante stato di allerta. Questo è perfettamente naturale, ma non è un bene per la salute.

L'amigdala è una piccola struttura del sistema nervoso centrale autonomo, che si trovava in natura già negli esseri invertebrati e ha il compito di rispondere in moto automatico ai pericoli dell'ambiente, senza passare dalla parte conscia del cervello. Le risposte sono automatiche, indipendenti dalla coscienza e dalla volontà, perché devono essere velocissime e si basano sulle esperienze acquisite nel passato.

Nel caso, per esempio, un animale in natura percepisca un suono che potrebbe rivelare la presenza di un predatore, la risposta dell'amigdala è quella di predisporre subito all'attacco o alla fuga, per esempio mettendo in tensione i muscoli e accelerando il battito cardiaco. Se l'amigdala si trova in uno stato cronico di ipersensibilità, il rischio è quello di attivare in modo cronico i segnali neuroendocrini della risposta "attacco o fuga" che si possono tradurre in sintomi fisici.

Nel caso di persone che hanno subito un'esposizione a sostanze tossiche o un'incidente fisico o un forte stress psicologico, l'amigdala può restare in uno stato cronico di iper-sensibilizzazione anche quando la causa iniziale è ormai risolta da tanto tempo.

Cosa fare allora adesso che la minaccia del Coronavirus è reale e prolungata per giorni?

1 La prima cosa da fare è accettare l'eventuale ansia e la paura generate dalla situazione senza resistenze perché queste non farebbero altro che amplificarla. Bisogna ricordarsi, infatti, che "tutto ciò a cui si resiste, persiste", come afferma sempre Ashok Gupta nei suoi seminari. Facciamo un esempio pratico per illustrare come funziona questo meccanismo inconscio del cervello.

Se si guida un'auto su una strada libera e un animale selvatico, per esempio una lepre, attraversa all'improvviso, è molto probabile che il cervello, osservando qualcosa che attraversa la strada, si concentri su di essa fino a quando riesce a mettere a fuoco che è una lepre. Nel frattempo, però, si rischia di finire fuori strada perché lo sguardo è rimasto fisso sulla lepre e quasi sicuramente si piega lo sterzo nella sua direzione. Questo succede perché ciò su cui ci si concentra attrae automaticamente la nostra concentrazione.

Non serve a niente, quindi, continuare a parlare al telefono con amici e parenti di quanto siamo preoccupati per la situazione, questo non farebbe altro che far stare male anche gli altri. Per combattere le emozioni negative la soluzione è concentrarsi su attività piacevoli che impegnino la mente.

Proprio mentre tante persone sono ricoverate in ospedale e mentre c'è tanta sofferenza tra i loro familiari e amici, si ha il dovere di usare al meglio le proprie giornate con attività che ci facciano sentire vivi e attivi. Ognuno può riscoprire vecchi hobby che non aveva il tempo di praticare, può dedicarsi alla preparazione di cibi sani e gustosi, può rimettere in ordine la propria libreria, i propri cd o vecchie foto, ecc.

2 Il secondo passo per reagire alla crisi è affrontare la realtà in modo pratico: bisogna informarsi cioè sulle misure da intraprendere per evitare il rischio di contagio. A tal proposito le istituzioni hanno divulgato delle semplici regole, come per esempio lavarsi spesso le mani, evitare di toccarsi il viso e gli occhi con le mani, starnutire in un fazzoletto usa e getta o nella piega del gomito, tenere una distanza dagli altri di almeno un metro, restare in casa per effettuare un serio distanziamento sociale. Cliccando qui trovate tutte le informazioni utili offerte dal Ministero della Salute.

3 Il terzo passo è quello di prendersi cura di se stessi, non solo in termini di alimentazione, di attività fisica e di relazioni sociali, ma sopratutto in termini di igiene mentale. Il rischio di situazioni difficili come l'epidemia in corso, infatti, è quello di lasciarsi andare al pessimismo, di subire la situazione con un senso di impotenza che decuplica lo stress e di farsi trascinare dai vampiri emotivi che sfruttano la sofferenza per spaventare le persone e costruirsi un seguito.

Ogni volta che qualcuno offre la peggiore ipotesi possibile del futuro va assolutamente isolato e messo a tacere. Per rispondere alle crisi servono le opinioni di persone competenti, capaci, fiduciose nel prossimo, con una visione positiva del futuro.

La Programmazione Neurolinguistica o PNL, che è una delle discipline usate dal Programma Gupta, chiarisce che ogni azione è frutto di un pensiero, che diventa realtà attraverso la parola. Anche la Bibbia inizia con la frase "in principio era il verbo". Il rapporto tra pensiero-parola-azione è il meccanismo di base attraverso cui funziona il cervello umano. Se vogliamo un futuro meraviglioso, è necessario innanzitutto essere in grado di poterlo immaginare e poi di poterlo esprimere attraverso la parola.

Al contrario, se ci si concentra su pensieri negativi questi rischiano di prendere corpo nella realtà. Queste informazioni sono molto importanti soprattutto oggi che, chiusi in casa, si tende a passare molto tempo davanti ai social dove si può essere esposti involontariamente a punto di vista negativi che vanno considerati "tossici" per la nostra mente e per la nostra capacità di reagire positivamente alla crisi.

Attenzione: pensare in termini positivi al futuro non significa banalmente essere ottimisti, ma vuol dire creare un "setting cognitivo", cioè una predisposizione mentale che sia pronta a cogliere nella realtà tutte le informazioni e tutti gli stimoli utili a generare comportamenti positivi, a stabilire alleanze con le persone giuste e a rimboccarsi le mani per impegnarsi nella direzione più proficua.


Proprio perché si esce dalla crisi tutti insieme, con un progetto comune di tutela della salute e di ricostruzione sociale, Ashok Gupta ha creato il progetto The Coronavirus Challenge, purtroppo solo in inglese per ora, che intende offrire gratuitamente un programma di 10 giorni per potenziare il sistema immunitario attraverso il potenziamento delle capacità naturali di risposta alle minacce ambientali, proprio quel sistema di "attacco o fuggi" controllato dall'amigdala. La sfida è quella di potenziare naturalmente il sistema immunitario e di farlo tutti insieme perché ogni persona che rafforza le proprie difese è in grado di arginare la diffusione del virus.

Il programma di 10 giorni prevede consigli di alimentazione e di stili di vita per rafforzare il sistema immunitario sulla base delle conoscenze scientifiche disponibili.

Nei prossimi giorni sarà disponibile su questo sito il programma con i sottotitoli in italiano su questo sito.

Potete restare aggiornati sulle attività del Programma Gupta in due modi:
- iscrivendovi al Gruppo Facebook Italiano cliccando qui
- iscrivendovi alla Pagina Facebook del Programma Gupta cliccando qui.

mercoledì 18 luglio 2018

Soffri di una delle seguenti patologie?

  • Sindrome da Fatica Cronica (CFS) o Encefalopatia Mialgica
  • Fibromalgia
  • Sensibilità Chimica Multipla
  • Elettrosensibilità
  • Sindrome Dolore non Spiegate
  • Altre condizioni correlate di ipersensibilità ambientale
Il Programma di Riabilitazione dell'Amigdala è un nuovo trattamento per la Sindrome da Fatica Cronica, la Encefalopatia Mialgica, la Fibromialgia, la Sensibilità Chimica Multipla (MCS), l'Elettrosensibilità (EHS) e altre condizioni associate. Bisogna chiarire che l'obiettivo di questo trattamento è desensibilizzare una parte del Sistema Nervoso Centrale, chiamata Amigdala, e che questa desensibilizzazione può, in via secondaria, portare al miglioramento o alla guarigione da alcune condizioni mediche. Il programma Gupta, dunque, non è un trattamento medico, ma un programma di riabilitazione dell'Amigdala che richiede grande impegno e costanza in quanto prevede esercizi che bisogna condurre da soli per alcuni mesi.

Nel Settembre 2010 è stato pubblicato uno studio sull'efficacia del Programma Gupta nel trattamento della Sindrome da Fatica Cronica. Per avere il PDF dello studio scriveteci a ordini@programmagupta.it e ve lo invieremo per email. Anche se al momento è stata condotta molta ricerca solo sulla efficacia di questo programma per la ME/CFS, il Dott. Gupta ha riscontrato che in alcuni pazienti il programma risulta efficace anche per la Fibromialgia, la Sensibilità Chimica Multipla, l'Elettrosensibilità e altre patologie associate.Serve ulteriore ricerca per produrre certezze conclusive.

Il Programma Gupta è composto da alcuni DVD in lingua inglese, con un libro che ne è la trascrizione in italiano, oltre ad alcuni audio CD in lingua italiana. Consiste in un nuovo trattamento sviluppato dal Dott. Ashok Gupta, noto ricercatore e terapista nel campo della ME/CFS, che ha dedicato gli ultimi 10 anni della sua vita a cercare di comprendere e a trattare questa condizione. Lui stesso 10 anni fa era malato di ME/CFS e oggi sta bene al  100%. Da molti anni gestisce la clinica Harley Stress nel centro di Londra, dove tratta con successo pazienti affetti da questa condizione.


Il programma Gupta è oggi disponibile su DVD in inglese e su libro e audio CD in italiano con 12 sessioni interattive con il Dott. Ashok Gupta che vi daranno tutti gli strumenti e tutte le tecniche necessarie ad aiutarvi a stare meglio se avete la ME/CFS o altre malattie associate. Oggi questo trattamento rivoluzionario è disponibile per tutti ad un prezzo accessibile.

Sebbene questa sia una terapia priva di farmaci, il Dott. Ashok Gupta afferma chiaramente che la ME/CFS è una condizione reale e fisica, con sintomi fisici reali, come spiega nella sua pubblicazione medica del 2002. Questo trattamento si fonda sul ruolo della struttura cerebrale denominata Amigdala, che secondo Ashok Gupta mantiene il corpo in uno stato permanente di disequilibrio, causando tutti i sintomi.

Questo trattamento NON è nessuno dei seguenti:
Terapia Comportamentale Cognitiva
Terapia Reverse
Psicoterapia
Processo di Illuminazione
Terapia del riposo
Terapia di Mickel
Pensiero positivo
Rilassamento Basico
Ipnosi o ipnoterapia.

Le tecniche usate in questo programma sono molto diverse dalle tecniche convenzionali e derivano da molti tipi di terapie, tra cui la Programmazione Neurolinguistica, le tecniche di meditazione, le tecniche di consapevolezza, tecniche di yoga e molte altre. Gli strumenti e le tecniche sono state progettate apposta per influire sugli schemi di pensiero che riguardano l'amigdala e che avvengono nella ME/CFS; non si possono perciò far rientrare tutte in una definizione. Alcuni processi possono davvero essere definiti solo come tecniche di "Riabilitazione dell'Amigdala" e, perciò, è difficile descriverle con termini già in uso. Una volta che si è acquistato il programma su DVD c'è la possibilità di richiedere supporto ad un trainer che sono tutte persone che hanno seguito il programma e sono guarite al 100% loro stesse.

Vi raccomandiamo di acquistare questo programma solo se siete davvero convinti di potervi impegnare per 6 mesi e se accettate di giudicare l'efficacia del programma solo dopo questo periodo.

Il Dott. Gupta, lavorando con i pazienti di CFS, ha scoperto che la grande maggioranza di loro sembra rientrare nel suo tipo di classificazione e spiegazione della CFS, ovvero di una condizione causata da un'alterazione della funzionalità dell'Amigdala. Secondo il Dott. Gupta circa l’80-90% delle persone con CFS rientra in questa categoria.

In questo video il Dott. Gupta spiega i principi del Programma Gupta nel trattamento della MCS, CFS, Fibromialgia ed Elettrosensibilità.



Se per qualsiasi ragione questo programma di riabilitazione non vi farà sentire meglio entro sei mesi allora semplicemente mandate il pacco indietro al mittente alla fine del programma insieme alla lettera con i riferimenti bancari e sarete rimborsati (termini e condizioni allegate). Questo prova quanto siamo sicuri che il programma vi aiuterà ad avere un netto miglioramento.



Il contenuto di questo sito è puramente informativo (tradotto dal sito originale www.guptaprogramme.com) e non si sostituisce in alcun modo al consulto o al trattamento medico. Per favore consultate il vostro medico prima di intraprendere qualsiasi decisione e considerate che non tutti i casi di CFS, MCS e malattie correlate possono rientrare in un disturbo dell'amigdala. Questo programma Gupta intende offrire solo la guarigione dei disturbi causati da un cattivo funzionamento dell'amigdala, non è una terapia medica.